Classe "è un mistero" - Pensionato ex prof.

Giovanni Cavasin

Entrato nella compagnia per caso chiedendo di poter scattare alcune foto di una prova per sperimentare le luci del teatro e riprendere delle suggestive fotografie, ma è rimasto folgorato dalle estemporaneità della compagnia ed ha deciso di farvi parte. 

Subito coinvolto si è perfettamente ambientato ed è diventato uno egli elementi più attivi e partecipi.  Sempre presente, frequenta assiduamente tutte le prove della compagnia soprattutto quelle che coinvolgono anche il palato. Attore di provata esperienza con un passato artistico di tutto rispetto, Giovanni ha è entrato  nel gruppo offrendo il suo bagaglio di conoscenza, tecnica e  doti interpretative per contribuire alla riuscita dei progetti della compagnia.

E' stato il primissimo Gino, l'uscere di "Manco tasse pago, mejo xe, fisco, tasse e baccaeà!" e durante lo spettacolo del giugno 2013 ha dimostrato ciò di cui è capace. Ha un grande  feeling con il palcoscenico e una intelligente e garbata "vis comica".

In seguito  sempre per la medesima commedia, ha vestito i panni di Don Dino caratterizzandolo in maniera davvero unica. Poi è entrato nel cast di "Canocia in Pretura"  interpretando uno spassoso Toni Graspolo. In "S'chec! Piazza Italia, pazza Italia", interpreta un divertentissimo Mario il Becher, in "SCHEC 2! Undici cavoli a merenda!"  ha interpretato il diavolo Germanico mentre in "S'CHEC 3! Niente è OK, va tutto a KO!" interpreta un medico poco affidabile. Nella prossima commedia, "A CIAVE DEL VECIO!" , indosserà i panni del Duca  portando un contributo creativo davvero incalcolabile.

E' stato unanimemente nominato Capocomico della Compagnia dei Papà.