LUIGINO SCARDELLATO

Nella Compagnia dall'inizio, è uno dei padri fondatori. 

Da subito si è dimostrato un valido interprete delle parti scomode infatti, quelle di despota, di capo della banda, di Re autoritario o di burbero brontolone gli sono più congeniali nonostante la sua indole pacifica e bonaria.

E'stato il validissimo interprete di Brontolo, il nano più brontolone che le favole conoscano sia nella versione del 2001 che in quella del 2007 della storia di Biancaneve "I sette nani e... Biancaneve?" del 2001 e "C'erano una volta: Biancaneve, i sette nani e... Juteo, il principe Azzurro!" del 2007, di Re Berengario in "C'è Nerentola nel 2000?", del 2002 e di Re Stefano ne "La Bella Addormentata" del 2003. 

Nel 2004, in "Il mio nome è... Rosso! Cappuccetto Rosso, per gli amici... Capusso!" ha impersonato Bepi, il babbo disincantato e brontolone della bimbetta incappucciata,

E' stato l'odioso sceriffo di Nothingham in "Robin Hood Vs il Principe Giovanni e il segreto della Letargia Mimetica" del 2005, il famigerato bandito Peron Pompon in "La Zeta di Zorro" del 2006 e l'iroso giudice Spennagalline nella commedia "Canocia in Pretura" del 2010-2011-2012-2015. 

In "Manco Tasse pago, mejo xe,  fisco tasse e bacceà" del 2013/2014/2015 ha interptetato il burbero Bepi Tasca mentre in "S'chec! Piazza Italia, pazza Italia" del 2014 h impersonato Cacace, un carabiniere un po' imbranato.

E' amante dei dolci, soprattutto la "Fritola" meglio se bella calda. 

Nelle sue note caratteristiche spicca un imbattibile risultato cestistico: 36 (TRENTASEI) tiri liberi consecutivi. 

Trentasei centri cestistici e tanti centri artistici sui palchi della Marca Trevigiana con i suoi azzeccati e divertentissimi personaggi.


INDIETRO


Descrizione immagine

Dal marzo 2012 è il Presidente della Compagnia dei Papà.


Anno di nascita: 1957

Professione: Geometra